La contaminazione con le diossine avviene principalmente tramite l’alimentazione

Diapositiva2

Ogni giorno, in media, un abitante dei paesi ricchi (in questo caso degli Stati Uniti) assorbe 119,7 pg di TEQ (ovvero una misura di equivalenza tossica per tutte le varie tossine, calcolata in termini del 2,3,7,8-TCDD, ovvero la diossina più tossica in assoluto).

La comunità scientifica ha appurato che inquinanti organici persistenti – cioè che si bioaccumulano nella catena alimentare, perché in grado di resistere alla degradazione biologica naturale – come le diossine sono responsabili di tutta una serie di malattie “moderne”, quali tumori, diabete, malattie cardiocircolatorie, disfunzioni della tiroide, epatite, eccetera. Si trovano principalmente nei pesticidi, negli erbicidi, negli insetticidi, ma anche nei fumi e nelle polveri degli inceneritori o nei rifiuti del processo di sbiancamento della carta.

L’alimentazione rimane comunque la fonte principale di contaminazione delle diossine con l’uomo. I prodotti di derivazione animale (carne, uova e latticini) sono i principali veicoli di contaminazione, a causa delle pratiche dell’agricoltura industriale e la contaminazione di suolo ed acqua con i rifiuti industriali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...