CRISI AMBIENTALE

SlashandburninBrazilOgni estate assistiamo al dramma dello scioglimento della banchisa dell’Artico, segno inequivocabile del fatto che ci stiamo avviando verso sconvolgimenti del clima che saranno epocali (l’avanzata della desertificazione, l’aumento dei fenomeni meteorologici estremi come siccità, uragani e inondazioni, lo scioglimento dei ghiacciai delle principali catene montuose e quindi la diminuzione della portata dei principali fiumi del pianeta sono fra le conseguenze più prevedibili). La principale causa di questo fenomeno è però da attribuirsi all’attività dell’uomo; infatti, ad ogni aumento del PIL mondiale si immettono nell’atmosfera ulteriori quantità di gas serra (anidride carbonica, metano, cluorofluorocarburi, eccetera), responsabili del riscaldamento del pianeta.

Sempre a causa dell’attività dell’uomo stiamo assistendo alla repentina perdita della biodiversità, con l’allarmante esaurimento delle risorse ittiche degli oceani e i fragili ecosistemi tropicali sempre più a rischio (dal 1970 ad oggi è scomparso oltre il 60% della biodiversità degli ecosistemi tropicali!).

E’ dal 1970 che l”umanità consuma più risorse di quante il pianeta è in grado di ripristinare ogni anno, con il risultato che stiamo dilapidando il capitale naturale a nostra disposizione.

Infine, un altro effetto collaterale del nostro modello di sviluppo è rappresentato dagli inquinanti organici persistenti che – come nel caso delle diossine – si bio-accumulano nella catena alimentare e comportano vere e proprie epidemie di tumori e altre gravi malattie.

Vai agli articoli che parlano di ambiente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...