CRISI IDRICA

400px-DroughtL’umanità consuma il 54% di tutta l’acqua dolce accessibile (presente quindi nei fiumi, nei laghi e nella falde acquifere), destinata per il 70% all’agricoltura, il 22% ai processi industriali e l’8% a usi civici. L’80% della superficie agricola mondiale non dispone di un impianto di irrigazione e i cambiamenti climatici in atto rischiano di veder diminuire del 50% la produzione agricola di questi terreni già entro il 2020.

Per ogni abitante del nostro pianeta occorrono in media dai 2 ai 4 litri d’acqua per dissetarsi e dai 2.000 ai 4.000 litri per nutrirsi (consumati indirettamente tramite il cibo). Entro il 2050 il consumo d’acqua dolce è previsto in aumento del 50% nei paesi in via di sviluppo e del 18% in quelli già sviluppati.

Il 70% dei rifiuti industriali (e la quasi totalità degli scarichi fognari urbani) dei paesi in via di sviluppo vengono liberamente scaricati nella acque di fiumi e laghi.

Entro il 2025 1,8 miliardi di persone vivranno in regioni dove l’acqua sarà scarsa o assente, mentre i 2/3 dell’intera popolazione mondiale subirà dei disagi a causa della sempre minor disponibilità d’acqua dolce.

Vai agli articoli che parlano delle risorse idriche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...