Il boom dei biocarburanti: ovvero come ottenere energia dai prodotti agricoli

Diapositiva34

La produzione mondiale di biocarburanti (vengono utilizzati per produrre energia l’olio di colza, di palma, di soia, ma anche i cereali, la jatropha e altre colture) del 2011, ammonta a 431,46 milioni di barili, con il Nord America che ne ha prodotto il 49,6% (ovvero 214 milioni di barili), seguito da America Latina e Caraibica, con 118 milioni di barili (pari al 27,4%) ed Europa ed Eurasia, con 72 milioni di barili, ovvero il 16,7% del totale.

Dal 2001 al 2011, la produzione mondiale di biocarburanti si è incrementata di quasi sei volte, con gli USA che nehanno prodotto il 48% del totale, seguiti dal Brasile, con il 22,4%.

Anche se la produzione di biocarburanti permette una generale riduzione delle emissioni di CO2 (non si tratta di andare a rompere il ciclo del carbonio, immettendo nell’atmosfera quello che è stato accumulato in milioni di anni nel sottosuolo), è una pratica che presenta molti problemi morali, perché in grado di trasformare le foreste e i campi del pianeta in barili di carburante, portando quindi ad un aumento del prezzo del cibo e mettendo ulteriore pressione sulle foreste del pianeta.

Annunci

Meno della metà dei cereali prodotti sono direttamente destinati all’alimentazione umana

Diapositiva21

Meno della metà dei cereali prodotti – grano, orzo, riso, mais, avena e via dicendo sono la principale coltura e fonte di calorie nella dieta umana – vengono direttamente destinati all’alimentazione umana (il 45%), mentre il 34% viene destinato alla produzione di mangimi per gli animali domestici. Già il 9% dei cereali sono destinati ad “altri utilizzi”, tra cui i biocarburanti (in forte crescita dal 2009 anche se non si dispone ancora di dati precisi).

Il 56% dei tuberi (patate, carote,eccetera) sono destinati all’alimentazione umana, il 22% a diventare mangimi, mentre per i legumi il 70%è direttamente destinato all’alimentazione umana e il 17% alla produzione di mangimi. Il 44% degli oli vegetali sono destinati ad “altri utilizzi”, ovvero al settore della cosmesi, mentre il 77% delle colture oleaginose vengono trasformate (in genere in oli vegetali).

Fra le categorie di prodotti alimentari considerati, la produzione di frutta secca è quella che ha registrato il maggior incremento dal 2000 al 2009 (+66%), seguita dagli oli vegetali (+51%) e le bevande alcoliche (+38%).

Nell’ultimo decennio è esploso il prezzo dei principali cereali

Diapositiva1

 

A partire dal nuovo millennio abbiamo assistito all’impennata del prezzo dei principali cereali. Il prezzo del grano è cresciuto dell’86% da settembre del 2002 all’agosto del 2012, il valore dell’orzo si è incrementato del 123%, mentre quello del mais è letteralmente esploso, con un rialzo del 192%.

Il forte incremento del prezzo dei principali cereali è dovuto all’affermarsi delle economie emergenti sulla scena mondiale. Infatti, il maggior reddito pro-capite e l’occidentalizzazione dei costumi hanno fatto esplodere la domanda di alimenti di derivazione animale di questi paesi (carne di bovino, di suino e di pollame) e indirettamente di mangimi animali. Le altre cause sono l’aumento della popolazione mondiale (che significa un aumento della domanda di cereali) e l’affermarsi dei biocarburanti (che vanno a diminuire l’offerta di cereali destinati all’alimentazione e quindi ad aumentare la domanda mondiale di mais, grano ed orzo).