La Russia è il più grande esportatore netto di gas naturale, diretto quasi tutto in Europa

Diapositiva40

 

I paesi europei sono i principali importatori di gas naturale, (anche se a livello di singoli paesi è il Giappone il  maggiore importatore netto di gas naturale, con 107 miliardi di m3 di importazioni nette) con un saldo netto negativo verso l’estero pari a 273,3 miliardi di m3.

La Germania, con un saldo netto con l’estero negativo per 72,3 miliardi di mè il principale paese europeo importatore di gas, seguita dall’Italia, con un saldo negativo di 69,4 miliardi di m3 e gli Stati Uniti (-55,4 miliardi di m3).

La Russia è il principale esportatore di gas naturale, con un saldo netto con l’estero, che nel 2011 era positivo per 191,3 milioni di m3. Al secondo posto c’è il Qatar, con 121,8 milioni di mdi export netto, seguito dalla Norvegia, con un saldo netto con l’estero positivo per 96,8 milioni di m3.

Il 93,5% delle esportazioni russe di gas naturale (ovvero 221 milioni di m3), è stato inviato tramite gasdotti verso i paesi dell’Europa e dell’Eurasia (il 18% delle esportazioni all’estero all’Ucraina, il 14% alla Germania, l’11% alla Turchia), mentre i restanti 14,39 milioni di m3di gas naturale sono stati esportati via mare (sottoforma di gas liquefatto liquido) in Asia Orientale e Sud-Orientale (9,76 milioni di m3 sono stati inviati nel 2011 al Giappone e 3,88 milioni di malla Corea del Sud).

Il Qatar – il secondo esportatore di gas –, ha inviato l’84% del proprio gas naturale sotto forma di gas liquefatto liquido, ovvero una tecnologia che necessita dei rigassificatori (21,9 milioni di mverso il Regno Unito, 15,78 milioni di mverso il Giappone e 12,99 milioni di mverso l’India). Il resto è stato inviato tramite gasdotto verso gli Emirati Arabi Uniti (17,3 milioni di m3) e l’Oman (1,95 milioni di m3).

Come si può notare, la maggior parte del commercio di gas naturale avviene fra regioni vicine, così l’Europa si rifornisce da Russia e Nord Africa, l’Asia Orientale dal Medio Oriente e gli Stati Uniti dal Canada (il 90% degli scambi di gas fra i due paesi avviene tramite gasdotto).

Lo sfruttamento dello shale gas (un tipo di gas non convenzionale) da parte degli Stati Uniti, tramite la tecnologia del frackling, che permette di estrarre (anche se a costi maggiori e un forte impatto ambientale) il gas contenuto negli scisti, sta rendendo indipendente gli USA dal gas estero ed è previsto che entro pochi anni diventino un esportatore netto di gas naturale.

Annunci

Grassi animali: i paesi occidentali i grandi esportatori

Diapositiva35

Nord America (con 1,68 milioni di tonnellate ed un surplus pari al 25% dei consumi interni), Oceania (con 960 mila tonnellate ed un surplus pari al 224% del consumo interno) ed Europa Occidentale (con 820 mila tonnellate ed un surplus pari al 19%) sono i maggiori esportatori al mondo i grassi animali (tra cui il burro), mentre Asia Orientale, America Centrale ed Europa Orientale sono i maggiori importatori netti, rispettivamente con 970, 770 e 391 mila tonnellate.

Africa Occidentale, America Centrale ed America Caraibica sono le regioni con il maggior deficit di produzione di grassi animali, rispettivamente con il 68%, 64% e 62% del fabbisogno interno colmato dalle importazioni dall’estero.

 

Import ed export netto di frutta e verdura: ecco chi è in rosso e chi rifornisce il pianeta

Diapositiva34

Sud America (23 milioni di tonnellate), Europa Meridionale (15 milioni di tonnellate) e America Centrale (14 milioni di tonnellate) sono i principali esportatori al mondo di frutta e verdura, mentre Nord America (-21 milioni di tonnellate), Europa Occidentale (-18 milioni), Europa Settentrionale (-17 milioni) ed Europa Orientale (-12 milioni) sono i principali importatori netti di frutta e verdura.

L’Europa Settentrionale ha bisogno di importare il 76% della frutta e della verdura consumata internamente, mentre per l’America Centrale, le esportazioni nette ammontano al 51% del consumo interno.

Cina, Giappone, Corea e l’Europa Occidentale i principali importatori di soia e palma da olio

Diapositiva22

Nord America e Sud America sono i principali esportatori di colture oleaginose (soia, palma da olio, olive, girasole, colza, eccetera), rispettivamente con 51,3 e 34,4 milioni di tonnellate di export netto.

L’Asia Orientale (Giappone, Cina, Mongolia e le due Coree) è in assoluto il principale importatore di colture oleaginose, con 55 milioni di tonnellate di import netto, seguita dall’Europa Occidentale, con 13,7 milioni di tonnellate.

Il Nord America ha un surplus di produzione pari al 77% dei consumi interni, mentre il Sud America ha esportato il 42% del fabbisogno interno di colture oleaginose. L’America Centrala han dovuto importare il 71% del proprio fabbisogno interno di colture oleaginose, l’Europa Occidentale il 50% e l’Asia Orientale il 49%. Solamente il 23% delle colture oleaginose vengono commercializzate all’estero e sono destinate per il 77% ad essere trasformate in olio vegetale.

Giappone, Cina e Corea i maggiori importatori di carbone

Diapositiva14

Solamente il 15% del carbone prodotto nel 2010 è stato poi commercializzato all’estero secondo l’EIA (Energy Information Administration), a causa degli alti costi di trasporto che il combustibile solido ha (a differenza del petrolio).

Il Giappone è il maggiore importatore netto di carbone al mondo, con 206 milioni di tonnellate importate nel 2010, seguito dalla Cina, con 172 milioni di tonnellate e dalla Corea del Sud, con 126 milioni di tonnellate.

Australia, Indonesia e Russia sono i maggiori paesi esportatori (netti) di carbone, con un saldo positivo verso l’estero rispettivamente di 328, 316 e 100 milioni di tonnellate.

Commercio estero: USA ed Europa sono ormai diventati importatori netti mentre Cina e paesi del Medio Oriente esportatori netti

Diapositiva6

Gli ultimi vent’anni di commercio estero hanno portato ad alcuni trendi piuttosto chiari: l’aumento del deficit con l’estero del blocco del Nord America (soprattutto grazie all’enorme deficit commerciale USA), pari ad oltre 600 miliardi di dollari nel 2010 e parallelamente ad un forte surplus commerciale accumulato dalla Cina (pari ad oltre 200 miliardi di dollari nel 2010) e soprattutto dai produttori di petrolio e gas naturale, ovvero i paesi del Medio Oriente e del Nord Africa, che con il prezzo del greggio alle stelle, nel 2008 hanno sfiorato i 600 miliardi di dollari di export netto con l’estero.

Da notare che i paesi dell’Unione Europea hanno iniziato ad accumulare un deficit con l’estero a partire dalla prima metà degli anni duemila, forse a causa dell’introduzione della moneta unica in alcuni dei suoi paesi o a causa dell’aumento del prezzo del greggio e per l’entrata della Cina nel WTO. E’ invece resistito il Giappone, mantenendo un export netto positivo nel ventennio considerato.