Con la meccanizzazione dell’agricoltura e l’urbanizzazione della popolazione crolla la natalità

Immagine11

La diminuzione del tasso di crescita naturale della popolazione è un processo correlato positivamente con il reddito (all’aumentare del reddito diminuisce la natalità).

Il principale motivo di questo fenomeno è dovuto alla meccanizzazione dell’agricoltura (viene meno il bisogno di avere tante braccia in famiglia) e l’avvento di monocolture estensive in genere destinate all’esportazione (almeno per i paesi in via di sviluppo). Questo fenomeno porta alla fine dell’agricoltura di sussistenza intensiba e alla conseguente migrazione della popolazione dalle campagne alle città.

In città, per motivi che sono economico-sociali (alto costo della vita, scarsità degli spazi, impossibilità di portare i figli al lavoro da parte delle madri, eccetera), ma anche culturali (come ad esempio l’affermarsi dell’individualismo), si assiste alla diminuzione del tasso di natalità della popolazione urbanizzata.

Annunci

L’aspettativa di vita alla nascita è aumentata grazie alla diminuzione della mortalità infantile

Immagine6

Negli ultimi cinquant’anni anni abbiamo assistito ad un generale aumento dell’aspettativa di vita alla nascita della popolazione, passata, a livello mondiale dai 53 anni del 1960 ai 69 anni del 2010.

C’è quindi stato un generale allungamento della vita media delle persone sul nostro pianeta, anche se occorre notare che, questo effetto dipende principalmente dalla diminuzione della mortalità infantile nei primi mesi di vita. Migliori condizioni igieniche, un’alimentazione adeguata nei primi anni di vita, un sistema sanitario efficiente e soprattutto la garanzia dell’accesso all’acqua sono le premesse affinché possa calare il tasso di mortalità, in particolar modo di quella infantile.

Tutti questi aspetti sono positivamente correlati con il reddito pro-capite di un paese.

Meno di 1/6 della popolazione mondiale detiene più della metà del reddito mondiale

Diapositiva1

La Banca Mondiale divide i 193 stati del nostro pianeta in quattro gruppi a seconda del reddito pro-capite (in questo caso del prodotto nazionale pro capite): paesi a reddito alto, ovvero i paesi con un reddito annuo maggiore o uguale a 12.276 dollari, paesi a reddito medio-alto, ovvero i paesi con un reddito fra 3.976 e 12.275 dollari, paesi a reddito medio-basso, ovvero i paesi con un reddito fra 1.006 e 3.975 dollari ed infine paesi a reddito basso, ovvero quelli con un reddito uguale o inferiore a 1.005 dollari.

I paesi ad alto reddito rappresentano – in termini di pil PPA costante del 2005 – quasi la metà (cioè il 48%) del contributo alla crescita del PIL annuo mondiale nel periodo che va dal 1980 al 2010. Seguono i paesi a reddito medio-alto (tra cui la Cina), con una quota pari al 36% del maggior valore della produzione creato nel 2010 rispetto al 1980. I paesi a reddito medio-basso (tra cui l’India) hanno invece contribuito al 14% dell’incremento del PIL annuo mondiale nel periodo considerato ed infine quelli a basso reddito per l’1% .

I paesi a reddito alto rappresentano il 55,19% del PIL mondiale del 2010 (con il 16,57% della popolazione), quelli a reddito medio-alto il 31,61% (ed il 36% della popolazione), quelli a reddito medio-basso l’11,92% (ed il 35,90% della popolazione ed infine quelli a reddito basso l’1,35% (e l’11,53% della popolazione mondiale).

Non si tratta certo di una distribuzione egualitaria della ricchezza materiale prodotta globalmente.

Aumenta il tasso di convergenza tra i poverissimi e il Nord America

Diapositiva9

Il tasso di convergenza tra i paesi a reddito basso (in prevalenza paesi africani, Haiti e qualche paese asiatico) e Canada e Stati Uniti, in termini di reddito pro-capite, è aumentato a partire dal nuovo millennio, fino a toccare il 12% del reddito pro-capite dei due ricchi paesi.

Una maggiore convergenza, significa che si sta ridistribuendo un po’ più di ricchezza e si è leggermente assottigliata la differenza tra due dei paesi più ricchi al mondo e i paesi più poveri in assoluto (siamo tornato ai livelli del 1979, quando ci fu il secondo shock petrolifero).